ARRI ALEXA 35: INIZIA UNA NUOVA ERA

605

ARRI introduce una nuova era della cinematografia digitale con la nuova cinepresa ALEXA 35

Per oltre un decennio la famiglia di fotocamere ARRI ALEXA ha stabilito lo standard di riferimento per la cinematografia digitale. Ora, ALEXA 35 alza ulteriormente l’asticella con un nuovo sensore in formato Super 35 da 4,6K e REVEAL Color Science.

Ecco i punti salienti della neonata in casa Arri che porta con se l’esperienza di un’Azienda da sempre ai vertici della qualità dei propri prodotti.

  • Qualità delle immagini leader del settore a 4K nativi a 120 fps
  • 17 stop di gamma dinamica, la migliore per l’HDR
  • “High ISO” fino a EI 6400 a cui si aggiunge la modalità “Enhanced Sensitivity”
  • Resa cromatica più ricca grazie al sistema REVEAL Color Science
  • Maggiore controllo creativo grazie alle texture ARRI e all’ampia scelta di ottiche utilizzabili
  • Gamma completa di accessori e di strumenti per il workflow

L’ARRI ALEXA 35 è una cinepresa 4K Super 35 che eleva a livelli mai visti la cinematografia digitale. Il nuovo sensore ARRI, il primo in 12 anni, si basa sull’evoluzione della famiglia ALEXA nel corso degli anni, assicurando una gamma dinamica più ampia di 2,5 stop, migliori prestazioni in condizioni di scarsa luminosità e una maggiore ricchezza cromatica. La nuova REVEAL Color Science sfrutta appieno la qualità di immagine del sensore, mentre le texture ARRI migliorano lo sviluppo creativo in-camera. La facilità d’uso, la raffinata qualità costruttiva, i nuovi accessori e il nuovo sistema di supporto meccanico sono gli elementi che completano la nuova gamma di cineprese ALEXA 35.

Maggiore gamma dinamica, contrasto e sensibilità
L’ALEXA 35 raggiunge i 17 stop di gamma dinamica (latitudine di esposizione), una gamma di gran lunga superiore a quella di qualsiasi altra cinepresa digitale. Disporre di 1,5 stop in più nelle alte luci e di uno stop in più nelle ombre rispetto alle precedenti camere ALEXA, pur mantenendo il roll-off nelle alte luci simile a quello di una pellicola cinematografica.

Cambierà le carte in tavola per i registi. La sofisticata soppressione della luce parassita nella cinepresa e negli innesti delle lenti assicura che il sensore catturi l’intera gamma di contrasto e il carattere proprio di ogni lente. L’aumento della gamma dinamica e il controllo della luce parassita facilitano la gestione di qualsiasi condizione di illuminazione sul set, aumentano la flessibilità in post-produzione e rappresentano la migliore soluzione per i progetti HDR (High Dynamic Range).

Grazie al basso rumore e alla sensibilità che va da EI 160 a EI 6400, l’ALEXA 35 è una cinepresa “High ISO”. La modalità Enhanced Sensitivity opzionale può essere applicata ai valori compresi tra EI 2560 e EI 6400, producendo un’immagine ancora più pulita in condizioni di scarsa illuminazione. Questa eccezionale sensibilità, unita alla gamma dinamica più ampia e alla soppressione della luce parassita, consente alla ALEXA 35 di catturare le più delicate sfumature di luci e ombre in un numero maggiore di situazioni rispetto al passato.

REVEAL Color Science
Grazie a un continuo confronto con i registi e i direttori della fotografia e ad un’attenta revisione della pipeline di elaborazione delle immagini, ARRI ha ottenuto miglioramenti significativi nella qualità dell’immagine e un flusso di lavoro più rapido e semplice. REVEAL Color Science è il nome collettivo di una suite di nuove fasi di elaborazione delle immagini utilizzate da ALEXA 35 internamente e disponibili anche attraverso i principali strumenti di postproduzione di terze parti per l’elaborazione di ARRIRAW.

Include un algoritmo di debayering migliorato per un compositing più pulito, una nuova color engine per una riproduzione del colore più accurata, un nuovo spazio colore ad ampio spettro per un grading più veloce, un nuovo encoding in LogC4 per contenere l’aumento della gamma dinamica e nuove LUT (Look Up Tables) LogC4 per una migliore fedeltà del colore.

Oltre a sfruttare al meglio il nuovo sensore della ALEXA 35, REVEAL Color Science è anche compatibile con le versioni precedenti. I filmati ARRIRAW acquisiti dalle cineprese ALEXA LF e Mini LF possono essere elaborati utilizzando la tecnologia REVEAL Color Science, guadagnando così tutti i vantaggi che essa offre. Ciò significa che l’ALEXA 35 e le cineprese per il grande formato di ARRI possono essere accoppiate sul set con la possibilità di condividerne le LUT LogC4 in post-produzione.

Maggiore controllo creativo

Con il suo sensore 4K nativo Super 35 4:3, ALEXA 35 può essere utilizzata con una vasta gamma di ottiche (moderne, vintage, anamorfiche, sferiche, Super 35 e grande formato).

I registi che desiderano girare con le cineprese ARRI pur dovendo rispettare i vincoli del 4K hanno ora a disposizione una scelta di obiettivi immensamente più ampia.

Le texture ARRI sono una nuova funzionalità unica che permette ai direttori della fotografia di modificare in maniera decisiva la modalità di registrazione delle immagini da parte della cinepresa, qualora lo desiderino. Finora le cineprese ALEXA sono state pre-programmate con una texture predefinita che determinava la quantità e il carattere della grana nell’immagine, nonché la quantità di contrasto nei diversi livelli di dettaglio, percepita dallo spettatore come nitidezza. Per la prima volta, l’ALEXA 35 offre la possibilità di accedere a un menu di texture ARRI, proprio come se si trattasse di scegliere uno stock di pellicola.

Facile utilizzo con una nuova gamma di accessori
L’ALEXA 35 è la più piccola cinepresa di produzione ARRI completa di tutte le funzioni, che racchiude le caratteristiche e la potenza di calcolo di un’ALEXA “più grande” dentro un corpo di dimensioni ridotte. Le crew conosceranno in modo intuitivo la semplice architettura dei menu della cinepresa, il supporto per le memorie Codex Compact da 1TB e 2TB e il viewfinder MVF-2, ora dotato di HDR.

Il funzionamento facile e veloce è garantito da un nuovo display sul lato sinistro, dall’Advanced Color Match, dalla funzione di Pre-Recording e da una serie di miglioramenti a livello di usabilità, come i nuovi pulsanti per l’utente. Un totale di 19 formati di registrazione, che incorporano un efficiente down-sampling in-camera e un de-squeezing anamorfico, consentendo alle produzioni di ottimizzare la velocità di trasmissione dei dati, la risoluzione e altri parametri, in base alle loro esigenze individuali.

Le produzioni in Mixed Reality e Virtual Reality trarranno vantaggio dalla capacità della cinepresa di registrare i metadati delle lenti in tutti gli standard più comuni e di trasmettere metadati in streaming in tempo reale tramite il Live Link Metadata Plug-in di ARRI per Unreal Engine.

ARRI ha realizzato anche una nuova linea di accessori su misura per l’ALEXA 35 che ampliano le capacità della cinepresa e garantiscono la massima velocità e versatilità sul set. Gli accessori elettronici strettamente legati alla cinepresa offrono ulteriori fonti di alimentazione o funzionalità audio aggiuntive. Una nuova serie completa di supporti meccanici offre opzioni versatili per qualsiasi situazione di ripresa, passando in modo semplice e veloce da una configurazione leggera e compatta a una configurazione studio.

L’ALEXA 35 è affiancata dalla suite completa di strumenti online di ARRI, oltre che da applicazioni standalone gratuite come la Camera Companion App per iPhone/iPad, l’ARRI Reference Tool e l’ARRIRAW HDE Transcoder.

Resistente alle temperature, agli spruzzi e alla polvere e concepita tenendo conto dei futuri aggiornamenti hardware e software, l’ALEXA 35 offre un sistema solido e affidabile sul set, nonché un lungo ciclo di vita e un sicuro rendimento del capitale investito.

Con una maggiore sensibilità alla luce e più dettagli nelle alte luci, posso essere ancora più audace con le mie scelte di illuminazione ed esposizione.
Ari Wegner ACS Direttore della fotografia

Non potevamo usare nessuna luce; abbiamo usato solo i lampioni e la luce degli edifici. È stato sicuramente evidente che la modalità di sensibilità avanzata ha un rumore minimo, quindi penso che sia un vero miglioramento.
Jessie Wang Direttore della fotografia

Sono rimasto così colpito dalla latitudine del sensore e ho adorato il modo in cui rappresenta i colori in modo vivido come una vetrata. È un punto di svolta.
Seamus McGarvey ASC, BSC Direttore della fotografia