CINEMA E AUDIOVISIVO. ANICA: INDUSTRIA TORNA A CRESCERE E AUMENTA OCCUPAZIONE

393

CINEMA E AUDIOVISIVO. ANICA: INDUSTRIA TORNA A CRESCERE E AUMENTA OCCUPAZIONE

I dati sull’occupazione dell’industria dell’audiovisivo sono molto positivi, 180 mila i posti di lavoro complessivamente generati (+32% di nuove attivazioni nel 2021 – primi 9 mesi – rispetto al 2019; +77% rispetto al 2020), con forza lavoro più giovane, più qualificata, con più donne e più competenze digitali rispetto alle medie nazionali.

Questo è uno dei dati emersi (dalla relazione di Andrea Montanino di CDP Cassa Depositi e Prestiti) nel corso dell’incontro pubblico “La fabbrica delle immagini non si ferma. Le industrie cineaudiovisive al lavoro in un’Italia che vuole progredire” promosso al teatro Argentina di Roma dall’ANICA.

I benefici della crescita – prosegue la nota di ANICA – sono rilevanti perché, per ogni euro investito nell’audiovisivo, la produzione nell’insieme della nostra economia cresce del doppio (1,97 euro).

Il mercato e le istituzioni invocano il “Gioco di squadra per la rinascita del Cinema e dell’audiovisivo in Italia” durante l’incontro pubblico “La fabbrica delle immagini non si ferma. Le industrie cineaudiovisive al lavoro in un’Italia che vuole progredire”.

“Il cinema non si è fermato neanche durante la Seconda guerra mondiale, poi ha accompagnato il boom economico e visto nascere talenti. Noi dell’ANICA vogliamo fare gioco di squadra, la nostra conferenza si svolge durante la pandemia e la guerra in Ucraina e serve a misurarci con l’impatto di questi fatti su un’industria resiliente e consapevole. La successione di pandemia e guerra pone la necessità di risposte efficaci”, ha sottolineato il presidente di ANICA, Francesco Rutelli, nel corso della sua relazione introduttiva.

“Per noi, il valore nazionale di queste industrie potrà continuare a crescere, e a far progredire il nostro Paese, com’è avvenuto in momenti storici incancellabili come il Neorealismo o il ‘boom economico, solo con un grande gioco di squadra tra istituzioni, industrie consapevoli del proprio ruolo, la crescita dei prodotti con la moltiplicazione delle modalità di fruizione e una nuova ondata di talenti”, ha concluso.

Di “industria centrale che deve continuare a promuovere il talento e a mantenere profondità e ambizione” ha parlato il presidente del Consiglio Mario Draghi nel messaggio inviato alla giornata di confronto promossa da ANICA.

Il ministro della Cultura Dario Franceschini ha sottolineato la strategicità del comparto per la ripartenza del Belpaese: “l’Italia è lo Stato che ha messo la cifra in assoluto più grande di tutti i Piani nazionali di resilienza: 7 miliardi per il mondo della cultura. È stato fatto un investimento molto forte sul cinema e l’audiovisivo che durerà diversi anni. Si incrociano, così, l’attrattività italiana, la bellezza del Paese e il sapere dei mestieri legati al cinema con delle politiche fiscali (come il tax credit) che stanno attraendo grandi investimenti. Il cinema e l’audiovisivo sono tra i settori principali che traineranno la crescita industriale italiana”.

Sull’importante questione della formazione è intervenuta Francesca Medolago Albani (Segretaria Generale ANICA e ANICA Academy), che ha evidenziato: “è evidente l’importanza del coinvolgimento diretto degli operatori dell’industry nella formazione specialistica; ANICA Academy è nata per questo, per far crescere quantità e qualità degli occupati nel settore e garantire ricambio generazionale, ponendo l’asticella in alto, alla ricerca dell’eccellenza”.

Dopo la mattinata, in cui sono intervenuti – oltre agli speaker programmati, che hanno raccontato complessità e varietà del settore –  il ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti, l’Assessore alla Cultura di Roma Capitale Miguel Gotor, il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, il CEO della Motion Picture Association Charles Rivkin, il Commissario europeo Paolo Gentiloni, il Presidente della Commissione Affari Costituzionali al Parlamento europeo Antonio Tajani, i lavori del pomeriggio sono ripresi con il Sottosegretario al MiC Lucia Borgonzoni e la Sottosegretaria al MISE Anna Ascani. A seguire, fino alla chiusura dei lavori, parlamentari in rappresentanza di tutte le forze politiche delle commissioni cultura e attività produttive di entrambe le Camere alternati alle voci dell’industria, tra cui i Presidenti delle sei Unioni dell’ANICA e i rappresentanti di tutte le altre realtà della filiera, dagli autori agli esercenti, in una staffetta che ha rappresentato il gioco di squadra evocato lungo tutta la giornata.

Francesco Rutelli, Presidente dell’Anica

“La nostra conferenza si svolge durante la pandemia e la guerra in Ucraina e serve a misurarci con l’impatto di questi fatti su un’industria resiliente e consapevole.”

Francesca Medolago Albani Segretaria Generale ANICA e ANICA Academy)

“È evidente l’importanza del coinvolgimento diretto degli operatori dell’industry nella formazione specialistica; ANICA Academy è nata per questo, per far crescere quantità e qualità degli occupati nel settore e garantire ricambio generazionale, ponendo l’asticella in alto, alla ricerca dell’eccellenza”.

Il ministro della Cultura Dario Franceschini

“l’Italia è lo Stato che ha messo la cifra in assoluto più grande di tutti i Piani nazionali di resilienza: 7 miliardi per il mondo della cultura. È stato fatto un investimento molto forte sul cinema e l’audiovisivo che durerà diversi anni.

Articolo precedenteCARTONI: IN PRIMA LINEA PER LA SICUREZZA NEL MONDO PROFESSIONALE
Articolo successivoCLEAR-COM TORNA AL NAB CON TANTE NOVITÀ