INTERVISTA A PAOLO GENZANO

Cosa avete chiesto (visto che in questo progetto avete avuto voce in capitolo), alla direzione tecnica, e quindi al System Integrator, riguardo la definizione di questo nuovo sistema produttivo?

 

Una delle richieste riguardava la possibilità di poter lavorare con il mezzo nella sua piena potenzialità, ma riducendone le dimensioni.

Partiamo da una tripla espansione, per arrivare ad operare anche con un’espansione chiusa; in modo da poter coprire anche quelle produzioni dove ci sono dei limiti di spazio.

Quindi, è stato riprogettato completamente il sistema dei pavimenti, che vengono chiusi sotto il bancone, anziché al centro del mezzo, senza però perdere nessuna delle risorse.

Inoltre, l’OB Van nasce come una doppia regia: una principale e una secondaria. Era stata richiesta la possibilità di poter spostare, tanto le RVM, quanto il mixer video e audio, da un fronte all’altro del mezzo. Poi, per quanto riguarda l’RVM, possiamo lavorare con sei postazioni in un’unica area, piuttosto che distribuirle su due diverse zone.

Devo dire che la Profesisonal Show ha accolto e risolto positivamente tutte le nostre richieste, consentendoci di avere la massima versatilità da questo nuovo sistema.

 

 

Dopo la lunga esperienza con l’IP VAN 18, e adesso con l’integrazione dell’IP VAN 19, potete fare un bilancio di quella che è una produzione in SDI, per un centro come questo, piuttosto che una produzione basata sulla tecnologia SMPTE 2110?

Cosa cambia?

 

Il vantaggio principale è la versatilità. Cioè la possibilità di cambiare configurazione in funzione anche di richieste dell’ultimo momento, in arrivo da parte della produzione; ci permette di creare una serie di configurazioni e caricarle in tempi brevissimi. Oppure di trasportare segnali verso lo studio, viaggiando con un’unica fibra.

 

 

Entriamo più nel dettaglio. Cosa vuol dire per voi oggi, cambiare delle mappe o fare delle variazioni su una produzione?

 

Normalmente, a inizio produzione c’è un disegno di quelle che sono le esigenze del programma, che si andrà a realizzare.

Nell’intrattenimento però, per esigenze autoriali, spesso il programma viene stravolto in corso d’opera.

Diventa fondamentale perciò poter rispondere a queste richieste, nei tempi più brevi possibile, cercando di soddisfarle al meglio.

Essere passati alla tecnologia IP, ci permette di cambiare completamente il layout dell’IP VAN, a seconda della necessità, in pochi secondi.

 

Articolo precedenteIN RICORDO DI GIOVANNI BERTINI